Come accendere un fuoco sulla neve
Simone Talamo

Beh, visto che abbiamo da poco aperto le iscrizioni per il nostro corso specialistico sulla neve, mi sembrava cosa buona e giusta trattare il tema dell’accensione del fuoco in ambiente innevato.

Come ben saprai, la neve rende difficile anche la cosa più semplice di tutte, figuriamoci accendere un fuoco!

Quando scende la notte, la temperatura precipiterà, facendoti sentire come se fossi in una ghiacciaia. Se non riesci a accendere un fuoco, ti ritroverai velocemente in una situazione molto pericolosa per la tua vita.

Oltre a impedirti di congelarti fino alla morte, il fuoco tiene lontani gli animali selvatici e ti consente di cucinare (o scongelare) il cibo e persino di fare acqua sciogliendo neve o ghiaccio.

Il fuoco è il tuo migliore amico quando si tratta di sopravvivenza nella natura selvaggia, poiché si prende cura di tutto ciò che è importante: cibo, acqua e riparo (calore).

Vediamo quindi come si accende un fuoco sulla neve

Come accendere un fuoco sulla neve

L’avvio di un fuoco sulla neve ti presenterà due problemi di base.

Per prima cosa, la neve si scioglierà sicuramente a un certo punto e l’acqua potrebbe spegnere il tuo duro lavoro, insieme alle fiamme.

Un’altra cosa da considerare riguardo l’accensione del fuoco sulla neve e più in generale in inverno è che entra in gioco il freddo, dovrai quindi attendere molto di più prima che il tuo materiale combustibile cominci a prendere fuoco. 

Ciò significa che accendere un fuoco durante l’inverno è più difficile che in estate, poiché inizia più lentamente del “normale”, a condizione che tu sappia che cosa è “normale”.

Scegli il posto giusto

La selezione di un sito appropriato è la prima cosa da considerare ed è estremamente importante per il tuo successo. La posizione dovrebbe idealmente essere protetta da vento, acqua e neve.

Le persone spesso, durante l’inverno preferiscono accendere un fuoco sotto un albero, ma fai attenzione perché gli alberi potrebbero aver raccolto molta neve sui loro rami, che potrebbe cadere sul tuo fuoco mentre si scioglie, per poi spegnerlo.

Abbastanza demotivante se succedesse!

Quindi se stai per accendere il fuoco sotto un albero, assicurati di eliminare prima la neve dai rami.

Inizia con un punto pulito

Questo ci porta al passo successivo: eliminare la neve dalla posizione del fuoco desiderata. 

In realtà non puoi accendere un fuoco direttamente sulla neve, forse sul ghiaccio, a condizione che tu possa costruire una piattaforma di rocce o tronchi.

Puoi sgombrare la neve spazzandola via o puoi camminarci sopra per schiacciarla.

Se stai andando a pigiare, devi capire che la neve si scioglierà ad un certo punto, quindi assicurati che l’acqua risultante dalla neve sciolta possa defluire dal fuoco.

Fai lo stesso in una zona in cui metterai la legna in eccesso e se possibile, prova a usare delle rocce per sollevare il deposito di legna sopra il terreno. 

Se non hai abbastanza rocce, puoi usare anche bastoncini disposti a croce o creare una piattaforma usando i rami (lo stesso può essere usato per il fuoco stesso nel caso in cui non riesci a trovare le rocce).

Entrambi i modi sono utili per evitare che il legno venga a contatto con il terreno, offrendo così la possibilità di asciugarsi il più possibile prima di utilizzarlo.

Quando si tratta di innescare un fuoco sulla neve o in caso di pioggia, l’ideale sarebbe sempre utilizzare una grande pietra piatta come piano di accensione.

Prepara i tuoi strumenti

Sollevare i materiali combustibili dal suolo farà la differenza offrendo all’acqua i canali di drenaggio necessari per scorrere.

Un’altra cosa da considerare e che è estremamente importante è il riflettore di calore perché, dopo tutto, accendere un fuoco sulla neve serve principalmente per mantenerti al caldo, e un buon riflettore di calore nasce proprio questo scopo.

Il riflettore come suggerisce il nome stesso “riflette” il fuoco, concentrando il potere calorifico su di te, evitando dispersioni.

Una parete rocciosa crea un buon riflettore di calore, anche un grande albero o una grande roccia o eventualmente è possibile realizzarlo accatastando una pila di legni . 

Esempio di un riflettore realizzato durante il Corso Bushcrafter

Puoi sempre improvvisare usando una coperta termica, la stessa che facciamo portare nei nostri corsi di sopravvivenza, usando il lato d’argento che ti fornirà il miglior riflesso.

Avvio del fuoco

Ora, con il “preambolo” curato, parliamo un po’ dell’attuale procedura di accensione. 

Una delle cose più importanti da portare con se durante le proprie avventure, oltre ad un kit di pronto soccorso è un esca per accendere il fuoco.

Un pacchetto di fiammiferi impermeabili e un paio di accendini al butano antivento sono un elemento indispensabile in ogni kit di sopravvivenza.

Idealmente, dovresti anche portare con te un kit antincendio dedicato, composto da un blocco di paraffina e miscela di segatura, disponibile praticamente ovunque. 

Puoi anche realizzare una buona esca fai-da-te usando batuffoli di cotone imbevuti di vaselina, trasportati all’interno di un contenitore impermeabile o se in qualche precedente uscita sei stato fortunato, puoi portare con te del Fatwood.

L’idea è quella di utilizzare un esca che non si estingue rapidamente fornendo allo stesso tempo molto calore.

Se non hai un esca dedicata, puoi sempre usare piccoli pezzi di legno secco, facili da individuare, generalmente vicino al tronco degli alberi. 

Evita il legno che era in contatto con la neve, poiché ha sicuramente un alto contenuto di umidità.

Se non riesci a trovare piccoli pezzi di legno asciutti, prendi il coltello, trova il ramo morto più secco possibile e spacca fino a colpire il legno secco. 

Se non hai nemmeno un coltello con te… non so cosa stai ci facendo all’aperto!

Suggerimenti da ricordare

  • Raccogli sempre abbastanza legna per mantenere il fuoco acceso a lungo. Se non fai abbastanza legna, il fuoco potrebbe estinguersi mentre stai cercando altro combustibile e dovrai ricominciare da capo.
  • Ricorda sempre di raccogliere pezzi di legno partendo dai più fini ai più grandi. Puoi fare 4, 5, 6 o più sezioni di legno dal diametro differente a seconda delle condizioni.
  • Se hai poca legna a disposizione e vuoi mantenere il fuoco più a lungo, disponi la legna del tuo fuoco acceso orizzontalmente invece che “a capanna”.
  • Per ottenere il massimo dal tuo fuoco, dovrai assicurarti che il fuoco e il tuo riparo siano il più vicini possibile.
  • Cerca di accendere il fuoco proprio all’ingresso del rifugio e di utilizzare le coperte termine sul tetto e sul retro del rifugio (usando la parte riflettente) per mantenere il calore all’interno, mantenendoti più caldo.
  • Costruisci un riflettore per non disperdere il calore del tuo fuoco e direzionarlo verso di te
  • Tuttavia, non posizionare il fuoco abbastanza vicino da far incendiare la tenda o il riparo.
  • Viaggia sempre con diverse coperte termiche nel tuo kit di sopravvivenza; sono estremamente importanti anche per metterle tra te e il suolo, per isolarti.

Puoi anche riscaldare le rocce nel fuoco e usarle per riscaldare il tuo letto prima di andare a dormire, o avvolgere una roccia riscaldata usando un maglione o qualcosa del genere e usarla come stufa (sì, dormire con una roccia, una vera storia d’amore…). 

Se fa abbastanza freddo però, tra te e la roccia potrebbe realmente esserci del sentimento.

Se hai idee o commenti, non esitare a commentare nella sezione dedicata, scorrendo in fondo.

Ricordati: stai al sicuro, stai al caldo.

Se vuoi apprendere sul campo come poter sopravvivere in ambiente innevato, dai uno sguardo al nostro Corso Bushcrafter Specialistico Neve.

Si tiene 1 o massimo due volte l’anno quindi non perderei questa occasione.

Inoltre se intendi imparare le principali tecniche di Bushcraft, puoi acquistare il Manuale del Bushcrafter.

Un abbraccio,
Simone

Simone Talamo

Esploratore e Avventuriero, amo viaggiare in posti remoti e stare a contatto con la natura sopra ogni cosa. Ho deciso di creare questo blog per diffondere la disciplina del Bushcraft in Italia.

Potrebbero interessarti questi articoli:

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri le nostre avventure nella natura selvaggia

Sfida te stessa e apprendi sul campo le tecniche fisiche e mentali essenziali per poter sopravvivere nella natura selvaggia con il Corso di 1° Livello Bushcrafter

Segui le nostre avventure e iniziative sui canali social

Iscriviti alla lista d'attesa Ti informeremo appena si apriranno le iscrizioni così non perderai il tuo posto.
Email I tuoi dati con noi sono al sicuro.