Curve di livello: cosa sono e a cosa servono per le nostre esplorazioni?

Vuoi essere avvisato per i prossimi articoli? Entra nel Canale Telegram Bushcrafter

Bushcrafter

Bushcrafter è la più grande community Italiana di avventurieri. Diventa uno di noi cliccando qui.

Corso di Sopravvivenza Online al 50% di sconto

Approfitta dello sconto del 50% da 197  a 97 solo per pochi giorni.

Le curve di livello, chiamate anche “isoipse” sono tra le informazioni più importanti da saper leggere su una cartina e di cui dobbiamo tener conto durante le nostre avventure nella natura.

Se ti chiedessero di rappresentare un monte disegnandolo su un foglio, come faresti per fornire a chi legge, le giuste informazioni sulla sua pendenza e forma?

A questo servono le curve di livello.

Sono sostanzialmente delle linee chiuse che rappresentano un rilievo e che uniscono tutti i punti di eguale quota.

La differenza di quota fra una curva di livello e la successiva è denominata EQUIDISTANZA.

Le curve “o isoipse” con equidistanza maggiore vengono tracciate con tratto più marcato e sono dette direttrici, mentre quelle con tratto più sottile (e più numerose) sono dette intermedie.

Possiamo trovare anche curve tratteggiate, aventi equidistanza ancora minore, dette ausiliarie.

Nelle carte topografiche dell’IGM (Istituto Geografico Militare) a scala 1:25.000 le isoipse hanno colore marrone ed equidistanza di 100 m, 25 m e 5 m rispettivamente per le isoipse direttrici, ordinarie e ausiliarie.

Per programma un escursione è fondamentale tenere in considerazione le curve di livello per comprendere bene che tipo ti percorso fare o “aggirando” un monte o eventualmente scalandolo nel migliore e meno faticoso dei modi.

Un piccolo suggerimento.

Gli animali tendono a seguire istintivamente le curve di livello creando dei veri e propri sentieri nella foresta che possono assomigliare molto a quelli creati dall’uomo “non a caso molti escursionisti perdono l’orientamento proprio seguendo questi sentieri, pensando fossero fatti dall’uomo”.

Seguire questi sentieri effettivamente ci porta ad avanzare nella direzione giusta risparmiandoci fatiche inutile su pendenze elevate, l’importante è però riconoscere questi sentieri e saperli distinguere da quelli creati dall’uomo.

Fatta questa premessa, ti mostro le principali forme del terreno e la loro rappresentazione grafica su una carta.

Curve di livello e forme del terreno

A seconda della forma delle isoipse, avremo un rilievo differente che possiamo classificare di seguito:

Alture

Il valore altimetrico cresce verso il centro

Depressioni

Il valore altimetrico decresce verso il centro

Cavità su di un altura

Il valore altimetrico cresce verso il centro e poi decresce “come per esempio un cono vulcanico”.

Promontorio

Quando rivolgono la loro parte concava verso quote maggiori

Avvallamento o Vallone

Quando rivolgono la parte concava verso quote minori

Sella o Valico

Due distinte serie di curve concentriche racchiuse fra un’unica serie di curve che si avvicinano, volgendo la convessità nell’intervallo fra le prime, rappresentano un valico, una sella fra due alture.

Altopiano

Una serie di curve concentriche che aumenta di valore verso il centro, interrompendosi con un’ultima ampia curva, rappresenta un altopiano.

Pendio a pendenza uniforme

Le le isoipse sono ugualmente distanziate (intervallo costante), rappresentano un pendio a pendenza uniforme.

Pendio Convesso

Se le isoipse si addensano verso un le quote minori

Pendio Concavo

Se le isoipse si addensano a quote maggiori

Pendio Dolce

Se le curve sono ben distanziate (grande intervallo), il pendio è dolce

Pendio Ripido

Se le curve sono fitte (piccolo intervallo), il pendio è ripido

Se ti piace approfondire l’argomento dell’orientamento e cartografia, ti consiglio di acquistare su Amazon il libro: Orienteering. Elementi di orientamento e topografia per escursioni, alpinismo, trekking, survival, soft air e corsa d’orientamento.

A breve inoltre programmeremo il primo corso di Orientamento e Cartografia di Bushcrafter.

Per questo articolo è tutto, fammi sapere nei commenti in fondo cosa ne pensi.

Spero di vederti in uno dei nostri Corsi Bushcrafter, inoltre se intendi imparare le principali tecniche di Bushcraft, dai uno sguardo al Manuale del Bushcrafter.

Alla prossima,
Simone

Bushcrafter

Simone Talamo

Sono appassionato di viaggi e avventure. Ho deciso di creare Bushcrafter per aiutare le persone ad esplorare i luoghi più remoti e affascinanti del pianeta immersi nella natura selvaggia.

Segui le nostre avventure e iniziative sui canali social di Bushcrafter

Sei pronto per creare le tue nuove avventure?

Noi ti insegniamo a farlo. Impara le nostre stesse tecniche. Crea e vivi le tue avventure.

Potrebbero interessarti questi articoli:

2 Commenti

  1. Evandro

    Ciao Simone, sono evandro di Santa Marinella, vivo natura e avventura da molto tempo non mi ritengo un esperto ma me la cavo, volevo sapere cosa comporta divenire membro di bush crafter, grazie anticipatamente.

    Rispondi
    • Simone Talamo

      Ciao Evandro, piacere di conoscerti! Non comporta nulla se non ricevere l’accesso al nostro gruppo privato su Facebook e un piccolo Manuale su come cominciare a praticare Bushcraft. Ovviamente totalmente gratis. Puoi iscriverti da qui se vuoi e ci sentiamo tramite email: https://bushcrafter.it/la-basi-del-bushcraft/

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla lista d'attesa Ti informeremo appena si apriranno le iscrizioni così non perderai il tuo posto.
Email I tuoi dati con noi sono al sicuro.